Plodio sotto shock per la morte del 13enne

Un paese sotto shock. La morte di Alessandro Sciutto, il ragazzo di 13 rimasto ucciso ieri pomeriggio (domenica 11 agosto) in un tragico incidente a Borgo San Dalmazzo, ha distrutto la comunità di Plodio.

Il sindaco Gabriele Badano: «La notizia ha scioccato e intristito tutti. Non ci sono parole per un tale dolore. Rinnovo le partecipazioni e la vicinanza alla famiglia mie, della mia famiglia e come sindaco di tutto il paese. La gente di Plodio ha spontaneamente deciso di levare le decorazioni che avevamo montato sulle strade e intorno alle nostre abitazioni in occasione della festa del paese. I miei concittadini hanno fatto quello che potevano fare umanamente, terrenamente, e di questo li ringrazio. Tutti coloro che ho sentito sono profondamente scossi, alcuni mi hanno chiamato per esprimere il dolore sincero e la vicinanza sentita alla famiglia. Un dolore così grande è incolmabile, ma cristianamente voglio dire che l'amore è la sola risposta al male, che non riusciamo a comprendere, con la preghiera ci avviciniamo a Dio che è amore. Il Signore è vicino a chi soffre». Il Comune proclamerà lutto cittadino fino alla data dei funerali, non appena questa verrà fissata.

Alessandro, studente della scuola media di Millesimo, figlio di Cinzia e Marcello. La coppia è originaria di Noli, e si era trasferita qualche anno fa a Plodio, vivono in località Gigli. Lei lavora alla "Ecoglass srl" di Dego, lui è dipendente della "Verallia". Con loro vive anche il primo figlio della donna, ventenne. Alessandro, a settembre, avrebbe dovuto iniziare il Liceo scientifico a Carcare.

Vuoi essere sempre aggiornato sulle novità? Iscriviti gratis alla nostra newsletter

Ipercoop Speciale Agosto