Trinità: si torna a parlare del museo

Interesse di un collezionista tedesco che possiede una delle storiche macchine da cucire "Fiammetta".

Torna a far parlare di sé il Museo di storia locale di Trinità, il cui “iter” di allestimento era partito all’inizio dell’anno con la nascita del Centro di documentazione di storia locale, ma che di fatto attualmente è rimasto in sospeso, dopo le due mostre ospitate nei mesi scorsi. Il Museo, che dovrebbe poi essere gestito dal “Centro di documentazione”, secondo il progetto originario dovrà avere lo scopo di ripercorrere la storia del paese, soffermandosi in maniera particolare sui personaggi illustri, sulle grandi aziende del passato e su alcune invenzioni innovative realizzate proprio nella zona. La questione relativa al Museo è stata riaperta in questi giorni dall’interesse del tedesco Uwe Matissek che ha contattato la redazione del nostro giornale dopo aver letto un articolo riguardante la futura nascita dell’allestimento trinitese, pubblicato qualche mese fa. Il signor Matissek ci ha riferito di essere un grande collezionista di macchine da cucire e ci ha chiesto di poter essere messo in contatto con i responsabili del Centro di documentazione di storia locale, per uno scambio di informazioni tecniche. In particolare, nella nota inviataci dalla Germania si legge: «Nel vostro articolo riferito alla nascita del Museo di Trinità si parla anche della “Fiammetta”, famosa macchina da cucire. Io ne possiedo un esemplare da vent’anni e mi piacerebbe approfondire il discorso con i responsabili. Nel tentativo di ricostruire la storia della “Termoelettrica” (storica fabbrica di Trinità che passò dalla produzione di turbine a quella di macchine da scrivere e di macchine da cucire, ndr.) diversi anni fa mi sono fermato a Trinità dove ho potuto parlare con due operai che lavoravano nella ditta. Potrei anche valutare di offrire la mia “Fiammetta” al Museo di Trinità, per questo vorrei mettermi in contatto con un responsabile del progetto prima tornare nuovamente in paese». Federica Panero, storica dell’arte e componente del Centro di documentazione di storia locale, informata dell’interessamento dalla Germania, ci ha detto: «Sarebbe bello riuscire a proseguire il discorso. Adesso però il primo nodo da sciogliere riguarda la pianificazione del futuro. A breve ci incontreremo con l’Amministrazione comunale per discutere della situazione». Concorde anche il primo cittadino Ernesta Zucco: «In questi primi giorni di mandato siamo stati impegnatissimi, ma siamo ovviamente disposti ad incontrare i responsabili del Centro di documentazione per fare il punto. Innanzitutto si tratta di capire il lavoro che è stato svolto finora e il lavoro che invece bisognerà svolgere in futuro. Il signor Matissek ha scritto una mail anche al Comune e ci siamo già messi in contatto con lui».

mondovì times square new york

LE BELLEZZE DI MONDOVÌ SUI MEGASCHERMI DI TIMES SQUARE A NEW YORK

L'Unione Monregalese ha fatto proiettare le bellezze di Mondovì in Times Square a New York: grazie a Pixel Star di TSX Ieri, mercoledì 21 febbraio, sui megaschermi di Times Square a News York, alle 17,15...

Carnevale di Mondovì 2024, i vincitori sono il carro di Centallo-Fossano e le Cantine

Al Carnevale di Mondovì 2024 i vincitori sono loro: gli "omini di latta" del carro di Centallo-Fossano e i Moschettieri del gruppo delle Cantine Bonaparte di Mondovì Piazza. Il verdetto della giuria si fondava...

METEO – Allerta gialla per lunedì 26 febbraio

ARPA Piemonte ha diramato allerta gialla per lunedì 6 febbraio sul Sud Piemonte, Monregalese e Cebano. Al momento NON è prevista alcuna chiusura dei plessi scolastici. La nota di ARPA: «La presenza di una saccatura...

Da Savona a Ceva per creare un centro di “specialità alimentari” con le produzioni...

Imprenditori liguri aprono uno stabilimento nell’area industriale. Il sindaco Bezzone: “Dall’amministrazione un ben venuto alla famiglia Tomatis. Importanti ricadute sul territorio in termini occupazionali e per l’indotto in ambito agroalimentare” Hanno scelto Ceva perché punto...
libro cura dono volontariato

“La cura del dono”: un libro donato a sua volta per sostenere le Associazioni...

È in distribuzione nelle librerie e presso alcune Associazioni di volontariato di Mondovì, il libro “La cura del dono”, scritto dalla 4ª A del Liceo Classico di Mondovì, edito da “Gli Spigolatori” e illustrato...