Alpino e reduce di Russia: Giovanni Alutto compie 105 anni

Festeggiamenti con la famiglia e gli amministratori. Originario di Barbaresco, per tutta la sua esistenza ha sempre tenuto viva la memoria. Di lui dice: «Non ho fatto nulla, sono stato semplicemente fortunato»

Giovanni Alutto, con il sindaco di Barbaresco, che gli ha donato una bottiglia di Barbaresco 2016

Grande festa, in questi giorni, per l’Alpino Giovanni Alutto, che ha raggiunto l’invidiabile traguardo dei 105 anni di età. Classe 1916, reduce di Russia, Giovanni ancora oggi mantiene viva la memoria, ricordando amici e compagni che non sono più ritornati dal fronte. Le sofferenze patite, la fame e la paura della morte non lo hanno scalfito, anzi hanno contribuito a fargli apprezzare l’importanza della vita. La sua longevità, in salute, è strabiliante, ma lui dice: «Non ho fatto nulla. Sono semplicemente stato fortunato». Mercoledì 17 novembre, giorno della sua nascita, Giovanni è stato festeggiato dai famigliari, dalle rappresentanze Ana di Cuneo e Mondovì e dal presidente Unirr di Torino, Silvio Cherio. Il già presidente della sezione Ana di Mondovì, Gianpiero Gazzano ha inoltre voluto donargli la spilla dei reduci di Russia, che gli era stata sottratta qualche tempo fa. Gradite le visite anche del presidente della Regione, Alberto Cirio, e del sindaco di Barbaresco, Mario Zoppi; gli amministratori hanno voluto omaggiarlo con la consegna di due targhe. Giovanni Alutto è nato appunto il 17 novembre 1916 a Barbaresco, da una famiglia di agricoltori. Terzogenito, dopo aver conseguito il diploma di quinta elementare, a 21 anni viene chiamato al distretto di Mondovì ed inviato al 2° Reggimento Alpini della Divisione Cuneense, nel battaglione di Borgo San Dalmazzo. Viene preso in forza dalla 13ª Compagnia, promosso caporale e poi sergente maggiore ed inizia il suo percorso negli Alpini. Al ritorno dalla campagna di Russia, Alutto prende moglie e diventa padre di due figli, Maria Olimpia e Gianfranco.

Scopri anche

Furti e truffe ad anziani, arrestata banda di “professionisti”. Hanno colpito anche nel monregalese

Erano veri professionisti dei furti in casa di anziani. Agivano in pochi minuti: uno si accertava che la casa fosse vuota, un altro faceva da palo e quindi il primo entrava e faceva "pulizia"....

A Linea Verde su Rai 1 cartoline del monregalese, da Vico a Carrù

CLICCA QUI PER VEDERE LA PUNTATA Nella puntata di oggi, domenica 29 gennaio, Linea Verde ha dedicato una serie di segmenti alle eccellenze e alle peculiarità del monregalese: dopo l'anteprima dedicata alla Fiera del Bue...

Mondovì: tutto esaurito per i “tour della memoria” al Ghetto ebraico, oggi la Sinagoga

Ha avuto un'enorme successo l'iniziativa, coordinata dalla Città di Mondovì con l'associazione Gli Spigolatori ed Esedra, dei "tour della memoria", di organizzare visite guidate a tema “Mondovì Città della Memoria” con visita guidata alle...

L’aereo che attraversa la luna: l’incredibile scatto da Carrù

«È tutta una questione di una frazione di secondo. Quando ci riesco, mi emoziono. Un po’ come un pescatore che, dopo ore e ore di attesa, riesce a tirare fuori un bel pesce». Il...

Paola Farinetti a Mondovì per presentare il libro “Tuffi di superficie”

Sabato 28 gennaio, alle 18 nella sala comunale delle Conferenze in corso Statuto, verrà presentato il libro di Paola Farinetti “Tuffi di superficie” (Gallucci editore). Sarà presente l’autrice che dialogherà con la giornalista Arianna...

Mondovì, lite tra pensionati nel parcheggio del supermercato: intervengono i Carabinieri

Ha colpito il contendente con una catena per chiudere la bicicletta, durante la lite scoppiata nel parcheggio del supermercato in via Cuneo a Mondovì, nei giorni scorsi. A seguire, dopo una segnalazione, è subito...